IN STRUTTURA PROFONDA: Patchwork

In questa rubrica voglio dedicarmi a una analisi strutturale di alcuni giochi. Naturalmente, parlo da un punto di vista del giocatore, non del game designer; cerco altresì di gettare una certa luce sull’ossatura di una partita e di alcuni enigmi che essa può porre.

Difficilmente potrei parlare di strategie dominanti. Penso più a un inquadramento critico, a quei particolari che l’occhio del giocatore, specie se ai primi approcci con quel gioco, dovrà abituarsi a cogliere.

In Struttura Profonda è dunque una rubrica per i neofiti del gioco trattato. Ma in essa, per non appesantire, NON spiegherò il regolamento, che dò comunque per letto e padroneggiato.

Quel che consiglio dunque è di giocare la prima partita al gioco in questione e poi tornare a leggere l’articolo, o segnarsi i punti su un foglio da tenere come piccola guida.

*        *          *         *          *

Parliamo dunque di Patchwork: prime contestualizzazioni.

è un gioco eminentemente tattico. Non si possono sapere prima i pezzi che si potranno acquistare già due turni dopo.

– c’è un fattore non controllabile di disponibilità dei pezzi nel turno in corso, per cui il giocatore non potrà determinare tutto.

Non è inoltre il gioco delle abbondanze. si sta strettini quanto a disponibilità.

Tuttavia se si riesce a centrare la rotta e giocare in modo equilibrato e solido si avranno le risorse necessarie. Il mio suggerimento è di avere fin da subito un occhio di riguardo a coprire quanto più possibile della propria plancetta personale, acquistando però anche pezze coi bottoni, che vi garantiranno introiti futuri.

START GAME (primi 4/5 acquisti)- A inizio partita, a dir la verità, reputo centrali le tessere grandi, dalle forme irregolari e poco costose. Bastano 3 o 4 di quelle per coprire una superficie niente male. Ad esempio, le pezze molto alte e larghe già a metà partita non saranno quasi più collocabili sulla propria plancia. E’ bene dunque acchiapparle subito.

MIDDLE GAME – Spesso per metà partita o anche più non si hanno i soldi per comprare alcune delle tessere disponibili. Fa nulla. Voi abbiate cura di aumentare il budget e OTTIMIZZARE. Quando avrete davanti le tessere davvero ricche, non vi frenate e acquistatele. Quando parlo di tessere ricche penso a quelle che combinano 2 aspetti fondamentali: superficie coperta (o incastro perfetto all’esigenza) bottoni sulla pezza. Nel Middle game è importante espandere bene la copertura sulla plancia e magari concorrere per la conquista della tessera bonus 7×7 (utile ma non risolutiva, vd oltre). Il middle game ben fatto è quello che vi fa entrare nel Late Game con una ampia copertura e un discreto budget di gettoni. 

LATE GAME (il late game inizia quando il pedone più avanzato sul tracciato del tempo è a un paio di avanzamenti [e dunque acquisti] dal traguardo, e quindi il giocatore arretrato dovrebbe avere una o due mosse in più.) – Nelle mie partite (una delle quali conclusa con un punteggio veramente alto per quel che ne so) ho notato che i bottoni tendono a crescere in modo esponenziale: pochi all’inizio, quando servono per avviare la macchina, dopodiché si continua a implementare e si inizia a raccogliere, spendendo pure laddove serve. E’ quando ci si avvicina al traguardo che si deve iniziare a valutare le scelte migliori dando a volte più peso ai bottoni che a tutto il resto. Ossia, se devo scegliere una tessera per un’altra, o fra due acquisti e un acquisto seguito da un avanzare per guadagnar bottoni, scelgo qualsiasi configurazione che me ne faccia guadagnare di più.

Ricordiamoci infatti che il nostro portafoglio di bottoni a fine partità sarà il nostro punteggio di partenza, da cui dover poi sottrarre le varie penalità! 

Per tutto il gioco infatti i bottoni valgono molto meno del corrispettivo in penalità evitato riempiendo gli spazi. Se una tessera che costa 3 bottoni copre 3 caselle e una tessera che costa 7 bottoni copre 6 caselle, già guadagnate a fine partita. Il risparmio di 4 bottoni infatti scompare subito con i – 6 punti per avere tre caselle coperte in meno. Quindi, tenere una manciata di bottoni non porta a nulla.

Motivo per cui la 7×7 è utile ma a mia esperienza non ha mai fatto la differenza. Fondamentalmente la 7×7 spinge a compattarsi e a fare un po’ magici incastri in perfetta geometria, ma alla fine quei punti vengono bruciati da appena 4 caselle libere. Rispetto agli sforzi fatti per averla… non è granché. Concorro sempre a prenderla e spesso ci riesco, ma al calcolo finale dei punti la differenza laddove ho vinto di solito non era di 14 punti. In una partita ben ingranata ho notato differenze finali maggiori. Sicché il bonus è un di più, ma non garantisce la vittoria (va detto che spesso lo conquista il vincitore perché alla fine ha giocato bene i suoi spazi, ma il merito è dunque della bravura!)

Che ci siano o meno i 7 bottoni bonus, avendo diversi bottoni sulle pezze a fine partita, è facile che una singola azione di guadagno possa farvi entrare quindici o venti bottoni. Auspicabilmente poi prima di questa azione di guadagno finale non dovreste essere al verde (obiettivo del middle game), quindi potreste anche essere oltre la ventina. Con 23 bottoni ad esempio, pur nel caso di avere 8 caselle libere (se siete capaci, otto rimaste libere è davvero tanto), siete comunque su valori positivi, il che significa che almeno avete colto il giusto trend.

Ma non preoccupatevi, se avete capito e padroneggerete questi pochi punti strutturali, le vostre partite si chiuderanno con risultati decisamente migliori di questa stima “blanda”.

Buon divertimento, e quando giocate, date uno sguardo alla Struttura Profonda del sistema di gioco!

Ale Friend

Annunci

Un pensiero su “IN STRUTTURA PROFONDA: Patchwork

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...