PERCHE’ SI’: Hanabi

03

Hanabi è il gioco di esordio di Antoine Bauza, che abbiamo già incontrato con Takenoko e che è diventato una star internazionale grazie al suo 7 Wonders e 7 Wonders Duel.

Non è certamente il suo gioco più chiacchierato, eppure merita la sua recensione in questo blog, per il semplice motivo di essere semplice, economicissimo e con una esperienza di gioco tutta particolare, assolutamente da provare se siete nuovi del mondo Giochi da Tavolo o se avete in voi l’istinto del divulgatore ludico.

HANABI dunque è un gioco che ogni tanto merita un posto nella borsa dei giochi di un appassionato.

Togliamoci subito il pensiero dicendo che la scatola di Hanabi (come in foto) si porta in una mano, costa circa 12 euro in questa versione e offre spazio per 2-5 persone per una mezz’oretta di gioco cooperativo. Avremo dunque dei giocatori che vincono o perdono tutti assieme. Ah, particolare molto importante… Va giocato in completo silenzio! 🙂

CONCETTO DI GIOCO

Hanabi_foto_3

Dalla foto possiamo vedere subito l’unicità di questo gioco. Le carte vanno tenute alla rovescia, per cui starete comodamente seduti a guardarne i dorsi.

Ogni giocatore dunque vedrà le carte di tutti ma non le proprie: ci si dovrà infatti coordinare per creare 5 file di carte, divise per colore e in ordine crescente, esattamente come le scale dei classici giochi con carte da poker. Più le scale saranno complete, più tutti i giocatori faranno punti. Si cerca dunque il punteggio massimo, ma si può perdere se si fanno 3 errori (spiegheremo più avanti questa possibilità.)

Il tema è quello di uno spettacolo di fuochi d’artificio (Il nome significa appunto Fiori di Fuoco) che i giocatori creano collaborando fra di loro; le carte raffigurano una esplosione più grande man mano che crescono di valore. L’idea è che il comporre queste scale determini uno spettacolo pirotecnico sempre più stupefacente e ricco. Ambientazione originalissima e apprezzabile, ma molto stilizzata data la brevità e asciuttezza del gioco.

71e6kfyDoYL._SL1500_

Hanabi si gioca in silenzio proprio perché sarebbe troppo semplice dire “hai il 3 blu, giocalo adesso.” Invece la partita ci chiede di alludere, intuire, fornire indizi nel giusto modo e empatizzando con l’altro, per capire cosa ci stia dicendo senza dircelo. 

 

Nel nostro turno potremo scegliere una fra tre azioni: giocare una carta, scartare una carta e dare un indizio. Nei primi due casi, liberarci di una carta ce ne farà pescare una nuova a fine turno.

Giocando una carta ne scegliamo una dalla mano (sempre dal dorso) e la sveliamo. Se questa ha una posizione lecita (per colore e sequenza numerica) la aggiungeremo alle file centrali. Altrimenti, finirà scartata sotto forma di Errore.

A inizio partita, non ci sono carte a tavola: persino gli 1 devono essere giocati dai giocatori, e dunque identificati. Una volta a terra l’1, si potrà giocare il 2 e così via. Una carta giocata che non abbia in tavola il suo immediato precedente (per poter giocare un 1, non deve esserci in tavola nessuna carta dello stesso colore) viene bruciata. Alla terza carta bruciata, si perde tutti. 

Scartando una carta sacrifichiamo una delle nostre carte per guadagnare un Indizio, fino a un massimo di 7.

Dando un indizio ne consumiamo uno (sono 7, da far bastare a tutti i giocatori) per indicare a un nostro compagno una delle caratteristiche comuni (colore o numero) fra le sue carte: posso cioè indicargli tutte le carte blu (senza numeri), o tutti i 2 (senza colore). E’ tuttavia possibile svelare una carta usando due indizi, uno per il colore e uno per il numero.

Hanabi3

…Questo più o meno è quel che vedremo a partita avviata…

L’ESPERIENZA DI GIOCO

Nella sua semplicità, Hanabi offre una esperienza vivida che difficilmente si spiega a parole. Possiamo però illustrarne alcuni scenari. Se ci rifacessimo alla foto qui sopra ma fossimo a inizio partita, beh, apriremmo indicando gli 1 al giocatore dopo di noi. Ora invece quegli uno sono inutili. Sceglierò di giocare una carta su cui ho indizi significativi? O scarterò una carta per guadagnare un nuovo indizio?

E se voglio dare un indizio efficace, come posso fare? Ad esempio, segnalando i due 1 potrei implicitamente dire “scarta questi per ottenere nuovi indizi“. Ma forse è più importante segnalare il 5 perché non vada accidentalmente buttato? (…le carte più alte sono presenti in meno copie; di ogni 5 ce n’è una sola.)

A seconda del momento e della situazione un indizio varrà come un messaggio completamente diverso (magnifico esempio per le teorie del messaggio e della comunicazione), e per di più potrebbe anche essere sorprendentemente frainteso, a causa delle molte inferenze che si fanno per dare un senso alle azioni altrui.

Per fare un esempio, potrei avere in mano due carte di valore 3. Mi vengono segnalate con un indizio 3, e poi un indizio giallo me ne svela solo una. Potrei giocare tranquillamente la carta così svelata, ma poi al turno dopo non avrò la certezza che il secondo 3 sia una carta di interesse o vada piuttosto scartata.

Inoltre 7 indizi sono pochi, e se non gestiti con notevole parsimonia si finirà molto presto a dover giocare o scartare carte a caso, rischiando l’Errore o lo scarto di una carta utile per la scala.

Dovrete guardare la situazione sul tavolo, poiché avrete voglia di dire tantissime cose ma non potrete farlo!

Questo indizio appena ricevuto sarà di una carta da tenere? da scartare? o da giocare?

Quando siamo senza indizi, e l’unico riguadagnato da voi viene speso subito dall’altro, come farete a fargli capire che serve a voi un indizio per segnalare una carta preziosissima nella sua mano?

E quando avrete tre carte “cieche”, come sceglierete quale scartare? La più vecchia perché è stata per più tempo presente ma ignorata? o la più nuova perché le altre invece hanno attirato lo sguardo altrui?

In tanta semplicità e in un gioco breve, Hanabi concentra tante deduzioni, congetture, qualche scommessa e “incrociamo le dita” – abbellendoli con l’originalità di tenere delle carte al contrario e vedersi impedito il parlare per dire le mille cose che si vorrebbero.

Consigliatissimo come filler, particolarmente adatto al gioco di coppia (si presenta molto bene con le ragazze) e al gioco occasionale con neofiti. Se avete degli amici che conoscono come gioco da tavolo solamente i soliti Risiko e Monopoly, con questo Hanabi potrete dar loro una notevole sorpresa e ammaliarli.

Video Recensione di Gioconauta

Recensione di Giochi sul Nostro Tavolo

Hanabi si può giocare gratuitamente online su Boardgame Arena qui

Ale Friend

 

 

 

Annunci

2 pensieri su “PERCHE’ SI’: Hanabi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...