IL MESTIERE DEL GAME DESIGN – Intervista multipla

E’ con enorme piacere che vi presento questo pezzo, del quale sono estremamente fiero;

da studente di Formazione e Sviluppo delle Risorse Umane, appassionato di psicologia dell’apprendimento, sviluppo delle competenze e quant’altro, quando ho scoperto il mondo della progettazione dei giochi da tavolo non ho potuto non chiedermi da subito cosa cercare per approfondire – imparare le procedure, avvicinarmi alla mentalità del progettista e descrivere meglio come si pone nel suo lavoro.

In seguito ad Idea G Roma, di cui ho parlato qui, è nata l’idea di una intervista approfondita – e da bravo entusiastone quale sono ho messo in mezzo molti dei nostri game designer più prestigiosi o sulla cresta dell’onda.

A questa intervista sinottica dunque rispondono Walter Obert, Andrea Angiolino, Andrea Chiarvesio, Simone Luciani, Daniele Tascini, Gabriele Mari, Erik Burigo e Stefano Castelli. Buon divertimento.

Due considerazioni in partenza. Essendo spaziosa, ho preferito organizzare l’intervista in sotto articoli: qui avrete dunque il totale delle domande. Cliccando su ciascuna potrete andare a leggere le risposte di tutti gli autori. Vi richiederà qualche click in più, ma non avrete davanti un testo a scorrimento infinito e potrete leggerla in parti coese.

Inoltre, per tutti i veterani gamer o game designer (aspiranti o già praticanti), ci saranno alcune risposte piuttosto prevedibili, quale naturalmente la necessità di giocare il più possibile. Ma vi assicuro che ci saranno anche risposte sorprendenti e conferme molto molto stimolanti. 

Daniele Tascini mi ha detto persino che questa non era una intervista, ma il programma di un master in game design; sperando che non mi abbiano maledetto in gamerese per il tempo dedicato 🙂 ho sentito in realtà un complimento fantastico dietro questa battuta. E’ proprio quello lo standard che vorrei dare agli approfondimenti e alla cultura del gioco di cui tanto parlo, e forse ne è uscito un qualcosa di buono.

Per qualche pagina, ciascun autore ci parlerà di sé e del proprio approccio al lavoro; io vi ho trovato un concentrato di esperienza che meriterebbe di essere esplorato e valorizzato ancora. Sono fiero di condividerlo con voi.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

LE DOMANDE 

Alcune domande sono contestualizzate, e riportano fra parentesi l’autore a cui sono state rivolte. Eventuali neretti e sottolineature nelle risposte sono un mio intervento

 

Voglio ringraziare anche pubblicamente tutti gli autori che si sono dedicati a queste domande (a rivederle tutte assieme mica poche… 🙂 ). Lo spessore delle loro risposte si commenta da sé, e il mio augurio è che sia per tutti noi occasione per valorizzare un patrimonio culturale che abbiamo.

Non direttamente intervistato, ma molto coerente è questo video di un convegno tenuto da Spartaco Albertarelli, condiviso proprio oggi in un approfondimento nella Tana dei Goblin. Lo linko qui perché resti associato come utilissimo stimolo per chi vuole conoscere più da vicino il mestiere del game design

Grazie a tutti, ragazzi! 🙂 

Ale Friend

Advertisements

Un pensiero su “IL MESTIERE DEL GAME DESIGN – Intervista multipla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...