PERCHE’ SI’: Mice & Mystics

mice-mystics-big

“Avventure di topi, coraggio… e un po’ di formaggio” riporta la scatola. Mice & Mystics è un perfetto fantasy con alcuni guizzi nel “punto di vista dei topi.”

Mice & Mystics è un cooperativo fantasy in perfetto stile dungeon crawling – eroi che esplorano grotte, sale e cunicoli per sconfiggere mostri e guadagnare tesori: un genere che in realtà non sto seguendo affatto.

Ma questo titolo mi ha conquistato subito per due elementi che a mio avviso gli danno quel twist, quell’originalità che valuto una spanna in più. E’ dunque uno dei titoli che consiglio di più se ci si attiene a certi requisiti.

Nello specifico, esso spiccherà senz’altro nella vostra ludoteca se:

  • siete 2 o 4 giocatori continuativi per affrontare una campagna (sconsigliato in 3 per evitare di spartirsi in modo impari gli eroi.)
  • cercate un fantasy e volete lasciarvi trasportare da una storia più che far calcoli
  • vi stuzzica qualcosa di diverso rispetto al fantasy canonico. Magari le scene classiche di trappole magie e draghi non vi tirano particolarmente, o comunque cercate quel guizzo di sorpresa che…
  • Inoltre Mice & Mystics potrebbe seriamente essere il gioco definitivo da vivere genitori e figli.
Unknown-1

Questo titolo vi trasporterà in una storia veramente calda, graziosa, di quelle che è bello ricordare insieme dopo averle vissute.

Aggiungo come jolly che se avete il cuore tenero questa storia vi potrebbe regalare qualche bel sorriso per la tenerezza e la simpatia di alcune idee. Se la premessa vi piace, benvenuti a bordo!

UNA FIABA INTORNO A NOI

C’è un  principe valoroso, Collin, figlio di un re malato e sempre più debole. Ci sono i suoi forti e leali amici. C’è una maga malvagia che trama alle spalle di un regno. Nel tentativo di opporsi i giovani eroi vengono catturati, e per fuggire compiono una mossa azzardata: si trasformano irreversibilmente in topolini. Ma non appena la maga li scopre, trasforma i suoi servitori in grossi e fetidi Ratti, lanciandoli al loro inseguimento.

Riusciranno i nostri eroi a sconfiggere il male e salvare il regno? E soprattutto, quali difficoltà dovranno affrontare dei topolini per compiere gesta che rispetto agli umani sono quotidiane?

Il gioco ci dipana davanti una intera fiaba incentrata sulla sconfitta della malvagia Vanestra, ma non ci fa mancare delle sottotrame legate ai singoli personaggi e delle scenette che ci accompagnano nell’intreccio. Scopriremo così, vivendole dagli occhi di un topolino, le trame della nostra antagonista, ma capiterà anche di ritornare alle stanze della nostra gioventù con gli occhi di esserini totalmente votati al compimento della nostra missione. Magari bisticceremo durante il viaggio per le decisioni importanti da prendere; ci aiuteremo, invece, nei momenti del bisogno, quando le schiere di nemici si ammasseranno nel tentativo di sconfiggerci. E allora sapremo parlare, organizzarci e trovare le migliori posizioni di battaglia per supportarci e garantire la sicurezza di tutti.

IL GIOCO IN GENERALE

Mice & Mystics ci offre un regolamento generico un libro di missioni (11 in questa prima campagna.) Sostanzialmente il gioco ci chiede di superare tutte le missioni, sconfiggendo nemici e recuperando tesori. La prima cosa che salta all’occhio sfogliando il Tomo dei racconti è l’altissima componente narrativa.

Ogni scenario infatti ha un prologo, spesso un epilogo o dei paragrafi che vanno letti ad alta voce ai giocatori al momento opportuno. Di capitolo in capitolo i nostri eroi diventeranno più forti, ma la nostra attenzione sarà rivolta quasi più al racconto che, insieme, staremo leggendo.

Andremo a salvare Lily l’arciera perché ci hanno raccontato di come sia rimasta intrappolata nel castello. Ma quando entreremo nella stanza del Re, vedendolo assopito e debole in una sorta di sonno magico, anche noi avremo delle visioni. Anche in quel preciso momento ci sentiremo parte di una storia in costruzione.

Naturalmente l’obiettivo generale di superare lo scenario sarà arricchito per ciascun capitolo dalle regole speciali. Nel Tomo dei Racconti vedremo, stanza per stanza, cosa accadrà ai nostri avventurieri: flussi d’acqua, condutture da forzare, tavoli su cui arrampicarsi – il gioco è pieno di eccezioni e circostanze uniche.

micemystjpg6

Come in molti giochi di avventura, le meccaniche sono pensate per far decidere a dei dadi i successi ottenuti, così come le sfortune impreviste e i molti casi particolari della storia.

Concettualmente il gioco è davvero semplice e lineare. Le caratteristiche dei topini determinano quanti dadi lanciare per ciascuna azione (attacco, difesa, movimento, agilità, cercare oggetti) e i simboli sui dadi indicano i vari successi. Spade scudi e archi sono naturalmente impiegati nei combattimenti; i Numeretti indicano per lo più il movimento disponibile e gli Asterischi indicano i successi generici in azioni come schivare trappole, scalare, cercare.

Per ultimo ci sono i Formaggi, particolarmente importanti nel gioco. I topini che ottengono Formaggi li guadagnano come segnalini, validi per attivare i loro attacchi e capacità speciali. Viceversa i nemici che ottengono Formaggi li aggiungono a un contatore, la Ruota del Formaggio. Quante più volte questa ruota si riempirà, tanto più appariranno nuovi nemici, di forza sempre crescente, e il conta tempo avanzerà. 

Components-e1401760018621

Il gioco si articola su più aree. Carte Schede e Segnalini dei giocatori; Mappa dello scenario con tutte le Miniature e infine Plancia di Controllo, con l’ordine di Iniziativa, il conta tempo e la Ruota del Formaggio.

Si vince completando gli obiettivi di scenario. Si perde se tutti i topini vengono sconfitti o se il tempo arriva al limite: nota che il tempo avanza quando un topino viene abbattuto o quando la ruota del formaggio si completa, scatenando una evocazione speciale.

Di conseguenza finché si è integri si procede bene, ma quando le cose iniziano a mettersi male o si fanno errori tattici si genera una escalation negativa che può portare alla sconfitta nello scenario. In pratica può capitare di perdere del tempo in una stanza: ciò porta all’evocazione di nuovi mostri che attaccano i topi, indebolendoli e sconfiggendoli o facendo perdere ulteriore tempo. In entrambi i casi, i mostri incontrati in futuro saranno molto più forti, e sarà più facile innescare una nuova escalation negativa.

Dunque, il gioco paga chi gioca bene da subito e non disperde opportunità.

mice-and-mystics-characters

Sulle schede dei personaggi abbiamo le statistiche e le abilità speciali, e l’equipaggiamento iniziale.

L’upgrade dei personaggi è reso molto minimalista. Ogni topino può mantenere da un capitolo all’altro un solo oggetto in aggiunta all’equipaggiamento base (e spesso la cosa dispiace, ma serve ad evitare di staccare troppo il livello dei cattivi); in compenso tutte le abilità speciali guadagnate (ciascuna al costo di 6 formaggi) accompagneranno il nostro eroe in tutta la fiaba. Tali abilità inoltre sono molto caratterizzanti e in linea col fantasy: il condottiero imparerà a impartire ordini o effettuare contro-fendenti, mentre l’arciera avrà il suo tiro di reazione e il mago la catena di fulmini. Seppur in forma di roditore starete guidando il vostro eroe fantasy nel corso di una storia.

EVOCATIVITA’: Come abbiamo detto, Mice & Mystics è un dungeon crawling che si distingue per due punti: evocatività originalità nella prospettiva.

L’evocatività è data da alcuni elementi molto pregevoli. In primo luogo la fortissima componente narrativa; lasciarsi cullare dalla fiaba deve far parte del piacere stesso di questo gioco. Anche la grafica ci mette il suo zampino: le illustrazioni sono molto affascinanti, e come tutti i giochi del genere prende davvero vita se le miniature vengono dipinte. Una nota di merito va alle tile, le tessere degli ambienti.

 

 

Nel corso dei vari scenari infatti visiteremo diversi ambienti molto ben illustrati: segrete del castello, cunicoli, cortile, cucina, camera da letto, laboratorio alchemico… Le illustrazioni hanno bei colori e belle illuminazioni, e finalmente abbandonano la griglia quadrettata. Non muoviamo più un eroe su una scacchiera, ma camminiamo in un ambiente verosimile.

CON GLI OCCHI DI UN TOPOLINO

Questo è uno dei punti più piacevoli di tutto il gioco: oggetti, compiti e imprese eroiche verranno adattate a misura di topino. Ed è bello entrare nella sala da pranzo e vedere che quasi mezza tile è occupata da un torreggiante… tavolo. Così come sarà faticoso scalare dei muri o delle sedie, a meno di non tirarsi su con amo e lenza.

Un bottone o una moneta diventeranno un solido scudo, e una delle armi più interessanti sarà la forchetta. Grazie ad essa infatti, potremo catapultare i nostri topini in giro per la stanza, o lanciare acini d’uva contro i nemici come se fosse una balista. O ancora, vedremo blatte su un tavolo rosicchiare avidamente gli avanzi del pranzo e verremo vessati in cortile da un corvo che non esiterà a darci la caccia, vedendoci ora piccoli e indifesi. Da umani grandi e grossi mai avremmo potuto scorgere questo brulicare di vita nei piccoli spazi…

Mice-and-Mystics-Paste-Magazine-1024x682

Per un piccolo topino un tavolo è una ardua sfida, e una forchetta può dare l’ebbrezza di una grande arma da fuoco.

POSSIBILI DIFETTI DEL GIOCO

Mice_and_Mystics_in-play1

Una partita in corso; il materiale in tavola è parecchio, nel bene e nel male.

Fin qui abbiamo evidenziato molti aspetti davvero appassionanti del titolo, che tuttavia non è esente da difetti. Se il gioco vi piace e avete deciso di viverlo dunque, sarà bene conoscerli da subito in modo da organizzarsi al meglio:

  • Il gioco è molto “dadoso” e soggetto a fortuna. Questo non è necessariamente un difetto: va bene per momenti in cui si vuole un gioco non impegnativo. Comunque non aspettarcisi alta strategia.
  • Richiede tempo e continuità. In fin dei conti Mice & Mystics permette di vivere una esperienza immersiva e duratura; ricordiamo però che per goderla il gioco va iniziato e finito (anche se si può diluire nel tempo; essendo un peso leggero non richiede dedizione particolare, e lo si può giocare anche una volta al mese senza perdersi nulla.)
  • Il regolamento è disordinato. Le linee guida del gioco sono molto chiare; tuttavia esistono talmente tante eccezioni e casi particolari che delle tabelle riepilogative o delle note a margine entro lo scenario avrebbero aiutato molto. In più tante certezze vengono continuamente date per scontate. Vi capiterà parecchio di sbagliare delle regole – anche dopo svariate partite; se così sarà, andate oltre e giocate, tanto l’importante è la storia che si crea. 

Qui riporto alcuni esempi di errori o facili fraintendimenti.

  1. Nelle prime due missioni è facile dimenticarsi l’attacco del corvo nella tessera del cortile
  2. La carta dei Ratti riporta la stessa abilità speciale della carta dei Ratti Guerrieri
  3. Le Pergamene sono ad uso singolo, ma non è specificato da nessuna parte. Si può intuirlo, ma se viene il dubbio non si trova risposta in nessuno dei due libretti di istruzioni
  4. I cattivi ignorano trappole e corsi d’acqua, ma anche questo non viene ricordato negli scenari relativi.
  5. Il 5° scenario mostra una disposizione delle tile errata. Quando vi trovate a iniziarlo, cercate un po’ sul web o ricostruite da soli la forma giusta correggendo la posizione di un paio di tessere.

CONCLUSIONI E CHICCHE

La durata di una partita a Mice&Mystics è abbastanza variabile: di media si assesta sulle due ore, ma dipende molto anche dallo scenario e dall’andamento dei dadi. Ci è capitato di tentare una prima volta il 4° scenario (uno dei più lunghi) impiegando circa 3 ore e finendo sconfitti; al secondo tentativo invece avevamo in tasca la vittoria dopo appena un’ora e mezza.

pic2383254_md

Ormai sapete molto dell’esperienza di gioco offerta da Mice & Mystics. Vi immergerete in questa incantevole avventura?

Come già detto, raccomando il gioco per 2 o 4 giocatori, in modo da spartirsi equamente i propri eroi. Come avrete avuto modo di capire, io amo questo titolo e me ne sono procurato tutto quel che ho potuto trovare. Espansioni edite (fra cui la seconda, assolutamente meravigliosa per grafica, tile e ambienti), un racconto extra (in inglese) pubblicato sul sito della casa editrice e persino una interessante storia fanmade ad ispirazione natalizia, Natale di Skeezix, costruita e impaginata come una espansione ufficiale. La storia è strutturata per rappresentare le domeniche dell’Avvento fino al giorno di Natale, e fornisce materiale da stampare come Alberi di Natale, segnalini di Neve e quant’altro. Perla irresistibile, un minigame incluso – la Guerra di palle di neve.

Vi consiglio spassionatamente di guardarvi questa ulteriore storia – solo in inglese – che può dare ulteriore longevità a questo bel, bel bel titolo leggero e fiabesco. Link al racconto natalizio fanmade qui.

Mice & Mystics, di Jerry Hawthorne, 2 o 4 giocatori, in italiano intorno ai 69 euro. Il prezzo non è basso, ma solo col gioco base si possono giocare:

  • 11 capitoli di prima Campagna (Il dolore e il ricordo)
  • 1 Capitolo perduto (Cat’s Cradle, dal sito Plaid Hat Games)
  • 5 capitoli nel Christmas of Skeezix 

Più

  • 1 Capitolo Perduto Il Fantasma di castel Andon (contenuto nella prima espansione Il Cuore di Glorm)
  • 6 capitoli nella prima espansione Il Cuore di Glorm
  • 12 capitoli nella seconda espansione Racconti di Sottobosco.

Tante ore di gioco, tanto spirito fiabesco, tanta leggerezza.

Davvero uno dei giochi dal tepore più dolce che possa consigliare; provatelo.

Ale Friend

Per vedere nel dettaglio come giocare ecco il video tutorial di Alkyla

Annunci

3 pensieri su “PERCHE’ SI’: Mice & Mystics

  1. Sulla tana, nel famoso topic ammazza scimmia 🙂 , gli danno molto contro… Dicono: Molto story driven, ha senso solo in modalità campagna ma non c’è praticamente crescita dei pg tra un’avventura e l’altra.
    Anche le item di gruppo spariscono a fine avventura..

    Mi piace

    • Tutto corretto. Beh il topic come da argomento è anche un po’ un divertissement. Ma seriamente:

      Mice è quello. Non è un Dungeon Crawling ambizioso. Può piacere agli amanti del DC e può non piacere ad altri. Ma può quindi piacere a non amanti dei DC come me.

      Mice & Mystics è per amanti dei narrativi, per i cuori teneri, disposti a vivere una fiaba e immedesimarsi in topini fra avventure in miniatura. Aspettarsi di più è un errore di aspettativa, e di target.

      Se non si parte con queste premesse (che vengono rispettate in modo eccellente) è il gioco sbagliato da scegliere! 😃

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...